Ultima modifica: 5 Novembre 2015

Viaggi e visite di istruzione

Regolamento

I viaggi e le visite di istruzione costituiscono iniziative complementari all’attività didattica, pertanto, devono essere effettuati in stretta connessione con essa, tenendo presenti i fini di formazione generale e culturale della scuola del primo ciclo. Le finalità educative, le mete e le modalità delle visite o viaggi di istruzione devono essere definite dai docenti nel Consiglio di classe/interclasse e comunicate ai genitori e alla classe.

Tipologia dei viaggi

Visite guidate. Si effettuano nell’arco di una sola giornata, presso complessi aziendali, mostre, monumenti, musei, gallerie, località d’interesse storico – artistico, parchi naturali, ecc.

Viaggi di integrazione culturale. Si effettuano per un periodo di più giorni ed hanno lo scopo di far conoscere agli alunni realtà paesaggistiche, monumentali, culturali della  Regione Lombardia e del  nostro Paese. Detti viaggi possono altresì prefiggersi la partecipazione a manifestazioni culturali, sportive o  a concorsi  che si  svolgono sul territorio nazionale.

Modalità di effettuazione

Le visite guidate e i viaggi di istruzione devono essere programmati fin dall’inizio dell’anno scolastico dai Consigli di classe/interclasse, tenendo presente che:

  • ogni classe potrà utilizzare, in più occasioni, per lo svolgimento di visite guidate e viaggi di istruzione un periodo complessivo non superiore ai cinque  giorni;
  • è fatto divieto di intraprendere qualsiasi tipo di viaggio nelle ore notturne;
  • nella programmazione delle uscite deve essere prevista la presenza di un accompagnatore ogni quindici alunni;
  • l’insegnante di sostegno, anche in relazione alla gravità della disabilità, al massimo potrà accompagnare due alunni; – è auspicabile la presenza pressoché totale degli alunni delle classi interessate;
  • in nessun caso può essere effettuata un’uscita alla quale non sia assicurata la partecipazione di almeno due terzi dei componenti la classe;
  • è opportuno che ad ogni visita o viaggio di istruzione partecipino studenti compresi nella stessa fascia d’età;
  • ogni alunno deve essere provvisto di un documento di identificazione;
  • il viaggio di più giorni è riservato solo alle classi terminali della scuola primaria.
  • per gli alunni della scuola secondaria di I grado non sono previste gite con pernottamento esterno.
  • la spesa pro capite per le uscite annuali non potrà superare le seguenti cifre:
    • € 30 per i bambini della scuola dell’infanzia;
    • € 50 per gli alunni delle classi I e II della scuola primaria;
    • € 80 per gli alunni delle classi III e IV della scuola primaria;
    • € 200 per gli alunni delle classi V della scuola primaria;
    • € 50 per gli alunni della scuola secondaria di I grado;

Il Collegio dei docenti, sulla base delle proposte dei singoli Consigli di classe/interclasse, entro il mese di ottobre, predisporrà,  il piano annuale delle uscite degli alunni.

Il Consiglio d’istituto delibererà, entro novembre, su tale piano. Il Dirigente Scolastico, avvalendosi della collaborazione degli uffici di segreteria e dei docenti organizzatori, provvederà a garantire il rispetto della normativa vigente e di quanto deliberato dal Consiglio di istituto. Periodicamente, il Dirigente Scolastico relazionerà al Consiglio di Istituto sullo svolgimento dei viaggi e delle uscite deliberate. Il modello di richiesta delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione verrà firmato anche dal presidente del consiglio di Istituto.

Per mostre occasionali e temporanee che non possono essere programmate all’inizio dell’anno scolastico, il Consiglio di Istituto autorizza il Dirigente Scolastico alla concessione dell’autorizzazione e all’acquisizione della documentazione prevista.

Compiti dei docenti organizzatori

I docenti che organizzano la visita o il viaggio di istruzione e i Consigli di classe  devono provvedere a:

  • acquisire il consenso scritto delle famiglie su tutte le uscite programmate;
  • consegnare ai genitori, durante l’assemblea di fine ottobre, l’elenco delle uscite didattiche programmate e acquisire il loro consenso e l’impegno a farvi  partecipare il proprio figlio;
  • inoltrare al Consiglio di Istituto, entro la seconda decade di ottobre, la richiesta sull’apposito modulo, evidenziano i contenuti dell’iniziativa, gli obiettivi, l’attività preparatoria e le verifiche;
  • predisporre l’elenco dei partecipanti;
  • raccogliere e versare sul C.C. della scuola il contributo delle famiglie;
  • consegnare in direzione, almeno 15 giorni prima, la documentazione summenzionata;
  • accertare che tutti i partecipanti siano in possesso di un documento di riconoscimento;
  • fornire agli allievi tutti gli elementi conoscitivi e didattici idonei a documentarli sul contenuto della visita guidata o del viaggio di istruzione.